Cosa succede con il credito privato dopo il divorzio?

credito privato dopo il divorzio

Quando abbiamo una relazione, è abbastanza comune prendere un prestito per finanziare determinati progetti. Infatti, se lo è per comprare una macchina, mobili o finanziare qualsiasi altra esigenza che potresti aver avuto con il tuo ex coniuge, il credito si è rivelato in quel momento la soluzione giusta. Oggi la situazione non è più la stessa! Ti chiedi cosa accadrà al tuo credito privato dopo il divorzio? Chi dei due coniugi eredita le mensilità da pagare? È possibile rimborsare o riscattare il suo credito al creditore? In questo nuovo articolo, scopri come procedere con il tuo credito privato dopo il divorzio.

Quando non c'è responsabilità solidale

Determinare quale dei coniugi pagherà il resto dell'importo totale del prestito si riduce a mettere in discussione i termini del contratto di prestito. Se non vi è alcuna responsabilità solidale (co-mutuatario) chiaramente indicata, il mutuatario è l'unico responsabile del credito privato dopo il divorzio!

Il mutuatario è l'unico responsabile del credito privato dopo il divorzio

Se c'è un divorzio o una separazione, è responsabile solo chi ha fatto un prestito privato. Il che è logico: il coniuge non ha alcun ruolo da svolgere al momento della firma del contratto. Dopotutto, non c'è un nome nel contratto di prestito. Quindi, anche se sei sposato, il tuo partner non ha automaticamente lo stato di co-mutuatario.

Il coniuge ha migliorato la tua solvibilità...

D'altra parte, avere una relazione migliorare la tua solvibilità se vuoi prendere un prestito da un'agenzia di credito. Infatti, nel caso di un credito al consumo, il prestatore eseguirà quello che viene chiamato un controllo del credito. Pertanto, le istituzioni finanziarie giudicheranno la capacità di rimborso del mutuatario.

credito privato dopo il divorzio

Inutile dire che avere un coniuge lavoratore aumenta le tue possibilità di convincere una banca a concederti un credito privato. Di conseguenza, è del tutto possibile che la tua domanda di credito privato menzioni il nome del tuo coniuge e che i documenti giustificativi che lo riguardano dovessero essere forniti al momento della conclusione del prestito. Tuttavia, questo non lo rende co-mutuatario e quindi non lo impegna necessariamente a rimborsare il credito privato dopo il divorzio.

Se i coniugi sono responsabili in solido

In alcuni casi, i coniugi possono essere co-mutuatari di un contratto di credito. Questo, all'unica condizione che il contratto di prestito lo preveda chiaramente!

I coniugi sono co-mutuatari

Nel caso in cui i tuoi due nomi appaiano come co-mutuatari in il contratto di prestito, sarete entrambi responsabili in solido del rimborso del vostro credito privato dopo il divorzio. Inoltre, molte coppie non divorziano a causa del costo totale dei loro debiti congiunti.

Un co-mutuatario può tuttavia chiedere, con il consenso dell'ex coniuge, che restituisca da solo il prestito privato. Detto questo, l'istituto di credito potrebbe rifiutare questa richiesta, a seconda della situazione finanziaria del futuro mutuatario.

E il regime matrimoniale in tutto questo?

Finora la situazione è abbastanza semplice! In linea di principio sei un unico mutuatario e quindi una sola persona a rimborsare il credito privato dopo il divorzio. Se, al contrario, siete co-mutuatari, allora sarete in due a rimborsare il prestito. Tuttavia, in questa fase le informazioni non sono ancora complete! Infatti, contrariamente a quanto potresti leggere su alcuni blog, il tuo regime matrimoniale inciderà anche sul rimborso del tuo credito privato.

credito privato dopo il divorzio

Partecipazione ad acquisizioni e regime di separazione dei beni

Nella stragrande maggioranza delle situazioni, ti sei sposato sotto il regime di partecipazione agli acquisti. Se questo è anche il tuo caso, valgono le nostre precedenti spiegazioni e puoi quindi saltare questo paragrafo. Idem per le persone sposate sotto regime di separazione dei beni !

Nel regime matrimoniale di comunione dei beni, il credito privato dopo il divorzio può essere ripartito

Sotto regime di proprietà della comunità, i coniugi rispondono in solido di tutti i debiti contratti. Che sia l'uno o l'altro dei coniugi fino al giorno del divorzio. Questo è chiamato il principio di solidarietà tra i coniugi. Se questo è il tuo caso, è molto probabile che il giudice deciderà di rinviare una parte uguale del tuo debito al tuo coniuge. Tale distribuzione assumerà il più delle volte la forma di una riduzione del beneficio coniugale ottenuto dall'una o dall'altra delle parti. Vale a dire che il credito non sarà contrattualmente diviso per due ma che alla fine avrete rimborsato tale debito in parti uguali con i calcoli fatti in sede di liquidazione del regime matrimoniale.

La nostra conclusione sul credito privato dopo il divorzio

Il divorzio è purtroppo spesso una prova dolorosa per tutte le parti. Quando a questa situazione si aggiungono problemi finanziari, la comunicazione diventa molto complicata! In questa situazione, i detti "Avvertiti è avambrato" o "Siamo sempre più intelligenti dopo", si prestano particolarmente bene ai nostri consigli che seguono.

Alcuni consigli per evitare complicazioni...

Anzi, per evitare questo tipo di complicazioni, è sempre meglio considerare il peggio prima di concludere il proprio contratto di credito privato e anche prima di sposarsi! Se le cose sono chiaramente definite in anticipo, le complicazioni vengono spesso evitate in seguito.

In caso di la conclusione di un prestito privato, è sempre possibile impostare in parallelo un riconoscimento del debito tra coniugi. Allo stesso modo è possibile concludere anche due crediti minori a nome di ciascun coniuge. Questo, invece di uno a nome della stessa persona.

Stabilire un riconoscimento del debito può evitare molti problemi.

Lica ti consiglia in modo neutrale e obiettivo

Ora che conosci tutte le informazioni relative al tuo credito privato dopo il divorzio, prenditi del tempo per contattare i nostri specialisti per trovare la soluzione migliore. Puoi sempre contare su Lica che ti accompagnerà in modo riservato nei tuoi passi.

Hai domande prima di fare la tua richiesta? I nostri consulenti sono a disposizione per rispondere alle tue domande 7 giorni su 7 direttamente su WhatsApp. Chiedici maggiori informazioni e saremo felici di risponderti!

Lica
5.0
Basato su 56 recensioni
fornito da Google
Oberlin Michael
Oberlin Michael
16:58 01 nov 22
Era davvero me, è l'unica che ha creduto in me, la trovo semplicemente incredibile
vincent morello
vincent morello
13:14 24 ottobre 22
Mara Garcia La consiglio per i titoli di coda
jaffyx lee
jaffyx lee
11:09 21 ottobre 22
Molto reattivo e disponibile
Guarda tutte le recensioni
js_loader

Continuando a utilizzare questo sito Web, accetti che possano essere utilizzati cookie o altre tecnologie simili. Maggiori informazioni qui.

Inviaci la tua candidatura:

Scegli la tua lingua e fai le tue domande!

Scegli il prestito che soddisfa le tue esigenze!

Il più alto tasso di accettazione in Svizzera
La tua richiesta in meno di 2 minuti
Le migliori condizioni di mercato
Una risposta in meno di 24 ore
Nessuna spesa di amministrazione
✓ Il più alto tasso di accettazione in Svizzera
✓ La tua richiesta in meno di 2 minuti
✓ Le migliori condizioni di mercato
✓ Una risposta in meno di 24 ore
✓ Nessuna tassa di iscrizione